Non esistono solo i supereroi, esistono anche i super-dei

Nel corso degli ultimi anni della scuola elementare ogni bambino inizia a confrontarsi con i racconti mitologici delle antiche civiltà e può accadere di sentirsi chiedere: “Perché devo studiare queste cose così vecchie?”.

Se i vostri figli, nipoti, allievi e piccoli amici vi hanno posto la domanda, lasciate che vi aiutiamo a trovare la risposta giusta, spiegando in 5 PUNTI perché i miti sono essenziali nella libreria dei giovani lettori.

1. CHE STORIA!

I racconti mitologici sono dotati di una fantastica e avvincente trama, sono suggestivi, sono ricchi di avventure, di intrecci amorosi, di storie misteriose piene di fascino per i più piccoli.

L’inarrestabile Achille, l’ingegnoso Ulisse e l’astuta Afrodite non hanno meno appeal di Superman, Thor ed Elsa. Provare per credere.

2. LA FAVOLA INSEGNA CHE…

Per gli antichi, in particolare per i greci e i latini, l’azione di creare, raccontare e rappresentare queste storie era necessaria per insegnare loro come vivere l’amicizia, l’amore, la fedeltà, come rispettare la natura, come capire il mondo e le sue stranezze.

Dietro ogni immagine e simbolo si cela quindi una verità profonda, un messaggio che aiuta a crescere, un argomento su cui ragionare, che non è ‘scaduto’, ma ha una linfa vitale e pulsante ancora oggi, perché si collega a un valore non solo ‘classico’, bensì universale.

 

3. LA MENTE SPICCA IL VOLO

Il mito permette ai piccoli di ampliare il proprio mondo di idee, di immaginare una realtà fantastica che non gli viene offerta nella vita di ogni giorno. Come tutti i racconti fanno giocare con la fantasia, con la creatività, con lo spirito di osservazione, per poi giungere alla necessità di una spiegazione.

4. UN RACCONTO SENZA TEMPO

I miti riflettono la cultura dei popoli che li hanno prodotti, le loro credenze, le loro paure, ogni mito ha una sua storia, una sua funzione, una sua identità. La loro unicità ha permesso a questi racconti di arrivare fino ai nostri giorni, di fondare i valori umani della nostra cultura che ci sono stati tramandati di generazione in generazione. Questi racconti perciò hanno una valenza storica che è importante che i bambini conoscano, e poiché sono storie avvincenti, il piccolo recepisce con più efficacia ciò che gli si vuole trasmettere.

5. PROSSIMA META, L’OLIMPO!

Molte storie che ci vengono proposte dal bagaglio mitologico, in particolare greco, concentrano l’attenzione su eroici personaggi che agendo portano il bene, difendono ciò che gli sta più a cuore dal male, salvano ciò che amano. Tutti presupposti di un’etica positiva, perseguibile prima nel gioco e poi nella vita.

Leggete, o rileggete quindi i miti, ricchi di suggestione, intrisi di messaggio morale, utili alla crescita dei bambini per la loro immaginazione, per ampliare il loro bagaglio culturale e per diffondere valori umani di coraggio, eroismo e bontà. E magari chissà che non desiderino diventare come uno di quei personaggi.

Quanto conosci la mitologia da 1 a 10? Sei un DIO? Sei un EROE? Oppure sei un SEMPLICE popolano? Lo scoprirai giocando al nostro nuovo test.